loghi-istit

PUGLIA LA CASA DELLA PARTECIPAZIONE

PAD. 152 - FIERA DEL LEVANTE 9-17 SETTEMBRE 2017

mainpic mainpic-small

PUGLIA: LA PARTECIPAZIONE È LEGGE

La Regione Puglia ha approvato la Legge sulla Partecipazione (legge reg. 28/17): tutti i cittadini vengono coinvolti nelle decisioni importanti che riguardano il territorio e la comunità.

button1
button2
button3

PERCHÉ UNA LEGGE SULLA PARTECIPAZIONE?

La partecipazione permette ai cittadini di essere informati, proporre, verificare e monitorare gli impegni assunti, a partire dal programma di governo e gli atti regionali.
La partecipazione migliora la qualità della democrazia e l’efficacia delle decisioni, genera una mediazione pubblica che sblocca i processi decisionali, accresce il livello di affidabilità e di credibilità delle istituzioni.

APPROFONDISCI

QUALI SONO I NUOVI STRUMENTI DELLA PARTECIPAZIONE?

La legge pugliese ha istituito una serie di appuntamenti e di strumenti:
Town Meeting: è un incontro tra il governo regionale, sindaci e amministratori locali, per monitorare e valutare l’attuazione del programma di governo. Citizen meeting: è un incontro tematico aperto alla cittadinanza di un territorio, con l’intento di coinvolgere la popolazione su progetti o iniziative specifiche. Forum sociali: sono organismi partecipativi a livello municipale, per promuovere e incentivare la partecipazione dei cittadini alla vita della amministrazione locale. Dibattito pubblico: è un processo di consultazione delle comunità locali interessate dalla realizzazione di grandi opere o di interventi di rilevante impatto territoriale, ambientale, urbanistico, paesaggistico, socio-economico di competenza regionale. Tale processo si conclude con un documento. Piattaforma Web: un sito istituzionale dedicato alla partecipazione, dove trovare documenti, analisi e informazioni sui processi partecipativi in atto e consultazioni pubbliche. Diritto di tribuna: a titolo gratuito, ad un esponente delle liste candidate in Consiglio Regionale che non hanno eletto propri rappresentanti.

APPROFONDISCI

QUALI SONO LE AZIONI DELLA PARTECIPAZIONE

Programma annuale della partecipazione: viene adottato dalla Giunta Regionale e individua tramite Avviso pubblico tutti i processi partecipativi sostenuti dalla Regione e promossi da enti locali, pubbliche amministrazioni, privati senza scopo di lucro, associazioni, partiti, sindacati, movimenti politici. Osservatorio regionale: per la partecipazione è composto da membri del Consiglio Regionale e ha funzioni di garanzia rispetto all’attuazione della Legge sulla Partecipazione. Bilancio Sociale: una sezione dedicata alla rendicontazione sociale e di genere, per favorire la trasparenza e la partecipazione alla vita pubblica rispetto agli obbiettivi di parità di genere e inclusione e coesione sociale. Sessione annuale del Consiglio Regionale: è il momento in cui il Consiglio Regionale verifica e valuta l’attuazione del Programma annuale della partecipazione. Ufficio della partecipazione: istituito dalla Giunta, si occupa di coordinare tutti i processi e le attività di promozione della partecipazione. Attività culturali e formative: la Regione sostiene percorsi formativi e culturali attraverso un bando regionale che seleziona soggetti e attività finalizzate a promuovere la cultura della partecipazione.

APPROFONDISCI

tornasu